122# Annoiarsi

Ho lasciato il mio ex perché era noioso e la vita di coppia era diventata solo routine. Poi ho conosciuto lui: non prende mai iniziative, non vuole uscire, non fa nulla. Se ne sta tutto il giorno sul divano ed è incredibilmente pigro. Però anche annoiarsi è più divertente con lui.

121# Sogni

Ci siamo conosciuti per caso, al nostro corso domenicale d'interpretazione dei sogni; eravamo nello stesso gruppo di scambio. Lei raccontava i suoi sogni a me e io a lei. È stato buffo, perché ad un certo punto abbiamo iniziato a sognarci a vicenda, ed era un po' imbarazzante raccontarci certe cose mentre ancora non eravamo intimi. Ma è così che ci siamo innamorati. Ah, non so lei, ma io i sogni me li sono sempre inventati.

120# Convenzione

La convenzione è stata firmata stanotte, dopo mesi di trattative, ponendo fine alle ostilità. I contraenti deporranno le armi alle ore 15:00 di oggi, impegnandosi sin da subito a non rivangare il passato, a non rimproverarsi per atteggiamenti o dichiarazioni future, oltreché a non ficcare il naso nei fatti dell'altro. Si torna ad essere amici. O almeno ci si prova.

119# Trattato

Non appena ci siamo messi insieme, io e la mia ragazza abbiamo deciso di iniziare a scrivere un trattato sull'amore perchè la nostra esperienza possa essere d'aiuto anche ad altre coppie. Siamo a pagina 1, aspettiamo di fare esperienza.

118# Scartato

Per Natale io e la mia ragazza avevamo deciso di non farci nessun regalo, ma siccome la conosco e poi so bene che se ne viene fuori sempre con qualche pensierino, l'ho anticipata: mi sono avvolto nella carta con un bel fiocco rosso in testa e mi sono adagiato sotto il suo albero di Natale. Ora: non so se anche lei ha avuto la stessa idea ed è a casa mia sotto il mio albero, ma io sono qui da ieri e ancora nessuno mi ha scartato.

117# Felicità

Lei alla fine aveva scelto un altro. Lui però continuava a presentarsi tutte le notti sotto la finestra della sua stanza per suonarle una serenata col violino. Gli chiedemmo perché. Lui ci rispose che sapeva bene che dietro la finestra lei era felice e faceva l'amore col suo nuovo ragazzo. Ma lui – che l'amava – sapeva di essere felice solo quando rendeva più perfetta la felicità di lei, con quel sottofondo ideale.

116# Parte

Ho raccolto per un anno i miei peli del naso e delle ascelle, il cerume, le caccole, le cispe delle ciglia, il muco e la saliva, la lanugine dell'ombelico, le unghie e il resto in un grande silos. Con tutto ciò ho dipinto un enorme ritratto della mia ragazza, per farle capire che è così che la sento: parte di me stesso. Glielo regalerò presto, rimarrà estasiata.

115# Vocabolario

Neanch'io so di preciso come sia potuto accadere, però è così. E siccome si ostinava a non crederci, ho preso il vocabolario per dimostrarglielo: la definizione della parola “AMORE” è una nostra foto!

"Muart Rosse" (1di3. Corsis) - Nell'Infinito di U-

Photo Credit: Sparrow_1976 via Compfight cc
Muart Rosse
1. Corsis

Di cuant ch’al veve mangjât a misdì, si sintive stranît: une opression a la bocje dal stomi. Sentât in poltrone al cirive di mandâ a memorie cualchi pagjine gnove, ma come simpri tai ultins diis, i tornavin in ment dome lis sôs primis riis: “A dilunc la Muart Rosse e veve dispopolât la contrade. Mai si jere viodude une pestilence cetant oribile, cetant fatâl! Il mâl si insedave tal sanc. Sul imprin a jerin dolôrs sponzints, inzirlis no spietâts; daspò al seguitave un bondant sudâ cence fin ch’al puartave al sfantament dal jessi. Maglis purpurinis su la piel, massime part su la piel da la muse, a fasevin deventâ lis vitimis cussì stomeosis che a vignivin scjampadis di ducj, lassadis cence confuart ni jutori. Il manifestâsi dal mâl e il so lâ indenant e risolvisi a jerin cuistion in dut di une miezore.”
Si cjalâ lis mans ch’a tignivin stret tal grim il librut che al jere daûr a memorizâ e al viodè la prime magle sul ledrôs da la man: rosse sanc. Al dè une berlade e il cjâf i tacà a zirâ.



I ferâi da la machine zale dal Control Dimensionâl a inluminarin une targhete cun scrit ‘free parking’ intant che l’agjent Siro De Luca al faseve manovre par parcâ ta l’unic puest libar dongje dal casson vert da lis scovacis.
“Chi mi somee avonde taponât” al disè al so coleghe.
“Avonde, sì. A la piês, tal scûr, a puedin scambiâ la machine par un taxi; a crodaran che cualchi tassist al sedi vignût a tentâ la fortune” i rispuindè Fidrì Little.
Ancje a chê ore tarde si viodevin un grum di machinis tal parc da l’Ipodrom di Los Angeles, che nol finive mai di jessi ricet par dute chê int ch’e crodeve pardabon di rivâ a meti a bon la sô vite corint daûr a la fortune intant che jê e coreve daûr di un cjaval.
Il sfuei da lis consegnis di zornade dai agjents Little e De Luca si concludeve domandant di controlâ cemût ch’al stave Henry ‘Hank’ Chinaski, ta la dimension Post-office dal sisteme Pagnut cul persut. Si che duncje la robe plui sigure e jere di lâ a cirîlu tal so ambient cuasi naturâl: il casin da lis corsis.
Little e De Luca a dismontarin de machine e si inviarin par la jentrade. L’ingrès, un ambient semicircolâr indulà che si vierzevin i gabiots da lis scomessis separâts fra di lôr di un veri, al jere ocupât di une cuarantine di oms cidins e impegnâts a consultâ cun morbin sfueis e boletins dai alibradôrs. Cuant che une vôs, craçant di ogni cjanton dulà ch’e jere une casse sonore, e segnalà che di lì a cinc minûts e sares tacade la ultime corse, ducj si infrotarin ai sportêi par scometi, vosantsi l’un cun l’altri pal dirit di precedence. Little e De Luca si moverin par cirî di localizâ Hank, il lôr om. Traviersant par dret l’androne d’ingrès, a lerin a curiosâ sui spalts di rimpet a la dreture finâl da la piste di corse.
A jerin daûr di butâ un voli sui spetatôrs sentâts in spiete de corse, cuant che Little al sbotà cuntun “Ma jo no capìs”, che De Luca al saveve ben ce ch’al significave.
“Ce? No tu sâs su cuâl cjaval pontâ?” i rispuindè dome par stizâlu.
“Tu lu sâs, Siro, no sta cjolimi pal boro” i rispuindè cun malegracie Little.” Tu lu sâs. Jo no rivi a capî chest mût di passâ la vite, a corî daûr al destin impen di impastanâsilu cun lis sôs mans.”
“Ma dai mo, Fred, no stâ a tacâ cun cheste storie ogni volte! Ce ti cambie se cheste int a seguis ideis o stradis diviersis da la tô, tu lu sâs ancje tu…”
“Sì che lu sai. Ma al fâs rabie viodi dute che intate, chei basoâi, fidâ il destin a un cjaval. La vite no je cussì, capissistu?”
“Destin? Ma sâstu indulà che o sin?” Cualchi volte De Luca nol capive se il so coleghe al ves ben clare la fonde da la lôr stesse presince tal mont di U-.
“Sì, che lu sai. O sai ancje ben che chei ca no puedin fa nuie altri di chel che a fasin. Al è che o soi malpazient, ce vûlistu che ti disi… Jo no ai voie di stâ dute la vite a fâ lis stessis robis.”
“Ma si capis. Fidrì, sêstu preocupât par alc?”
“No, ce sêstu daûr di pensâ? Chel che mi presse al è dome di no straçâ il timp. Anzit, par restâ tal argoment: indulà dal diaul che al sarà finît Hank, che no lu viôt.”
“Mmm…” al fasè De Luca “al sarà a scoltâ la ultime corse dret pal dret al bar, cuntune tace di scotch in man e une butilie bielzà tal stomi.”
“Bon ancje chel” al sierà Little “dome corsis, feminis e alcool tal cjâf. E sì che al vares chel biel lavôr a lis Puestis…”
“Biel lavôr?”lu fermà De Luca stratignintsi dal ridi “Ma ce dîstu?”
Intant che Little ancjemò al bruntulave, a jerin rivâts tal bar; Hank, sentât al bancon, al tabaiave cul barist, propit come che si spietavin. Little e De Luca si sentarin sul lât curt dal bancon, un dongje di chel altri. Hank al jere sentât cuasi al cjanton contrari. Al jere daûr di pontificâ sul mût plui sigûr par vinci a lis corsis. Al jere vistût une vore ben, cuntun elegant complet grîs, la barbe tajade di fresc.
“La ultime corse mi la seguìs midiant des cassis” al disè Hank.
“Su cui aial pontât?” i domandà il barist.
“Blue Stocking” i rispuindè. “50 vincent.”
I doi a tacarin a cuistionâ sul cjaval e su lis sôs possibilitâts di vitorie; il barist al someave une vore perplès su che sielte, ma Hank al dave impression di jessi sigûr cun condurance de sô pontade. Little e De Luca a ordenarin dôs biris e il barist ju servì propit tal moment che il speaker al segnalâ la partence da la ultime corse, tacant a nomenâ ducj i cjavai ch’a partecipavin. Al mancjave Blue Stocking.
La muse di Hank no tradive la minime inciertece. I nemâi a jerin su la dreture, daûr di rivâ. E propit prime ch’e finis la corse l’anunziadôr al zigà: “Ve ca Blue Stocking in plene rimonte a l’esterni!! Blue Stocking al vuadagne teren!! Al è… Blue Stocking!!!”
“Scusimi,” al disè alore Hank al barist, stratignint a mieç une ridade, “o torni daurman. Proviodimi un scotch cun aghe, dopli.”Jessint da la sale Hank al sflocjâ une cjalade in direzion di Little. L’agjent dal Control Dimensionâl al fasè un mot al coleghe e i lè daûr. Lu viodè fûr dal bar, dongje un piçul totalizadôr da lis scomessis.
“Little, no tu ti complimentis?” i disè strafotent.
“Hank, ma tu no tu ti strachis mai di dut chest?”
“Stracâsi, sêstu mat? Cemût podaressio stracâmi di chestis botis di cûl?”
“O soi content di vioditi content.”
“Content sì; fintremai ch’al funzione, parcè fermâsi?”
“Just, fintremai ch’al funzione, tu continue a fâ il to dovè.”
“Sigûr, il dovê al è di simpri la mê prime preocupazion” al disè Hank, e al tacà a ridi, tornant a cjapâ la puarte dal bar.
Al bancon De Luca al jere daûr di finî la seconde bire e il barist za daûr a rigovernâ; al veve poiât un scotch dopli denant dal puest di Hank.
“Su cui pontial doman, siôr?” al domandà il barist a Hank, intant che lui si sentave.
“Doman al è un altri dì” i rispuindè Hank insurît.
Montant in machine Fidrì Little al veve un diaul par cjaveli: “Aaah, chest sisteme mi fâs boli il sanc ogni volte! Ma jo i dîs: cemût si fasial a vivi in chê maniere? Nissune aspirazion, nissun obietîf, nissune ambizion! Dome corsis, feminis e alcool.”
“Fred, calmiti. A ti ce che ti free di ce ch’a fasin in cheste dimension? O ancje intune altre, par dî la veretât…” al cirî di cuietâlu De Luca.
“Ma, dai mo Siro! Chel sturnel di Chinaski nancje si rint cont che tal zîr di un mês al varà pierdût dut e al larà a cjase cui gniervs inceâts, cuant che al podares fa une cariere padine a l’Ufici Postâl. Invezit il so lavôr a son lis corsis…”
“Ah, Fidrì, tu tu viodis la vite come un vues di sbranâ, come une lote par afermâsi; che par me a lares ancje ben, no vuei dîsi il contrari, però… Cjale: jo no dîs di rivâ al nivel di Chinaski, però o crôt che la vite e vedi bisugne di jessi gjoldude almancul un pôc. No propit come une vacance, ma cuasi. E nol covente daspâ tant: in ogni câs la suite no je prenotade par noaltris.”
“Ve ca, alore cumò o ai capît: jo o volares la suite! Ducj a varessin almancul di cirî di prenotâle; almancul une volte e ancje Chinaski, se no ce sens aial vivi?”
“Fidrì, al sares dut inutil e sconvenient. Lis robis a van cussì. Dut ce che si pues fâ al è scuviergi ogni dì alc da la vite, gjoldilu e contentâsi. Finide” al tentâ di fâlu resonâ De Luca.
“Sì, sì… al sarà cussì. Ma ridusi dut a scometi suntun cjaval mi somee masse…” Little nol rivâ adore a finî la frase che l’argagn di comunicazion dimensionâl sul cruscot de machine al tacâ a cisicâ.
 “Centrâl a CD-30, Centrâl a CD-30. Rispuindêt!”
Siro De Luca al cricà un boton e al tirà dongje de bocje il microfon.
“CD-30. O soi De Luca.”
“O soi Martinis, Siro. Dulà sêso?”
“Tal parc da l’Ipodrom di Los Angeles, Martinis, dimension Post-office dal sisteme Pagnut cul persut. O vin apene controlât la situazion di Chinaski; dut a puest.”
Ben, Siro, ben… Vêso finidis li consegnis par vuê, juste?”
“Sì, no vin altris consegnis in liste…”
“Sì, lu savevi, par chel us ai clamât” lu fermà Martinis. “Mi covente une patulie prime di subite: une situazion di emergence tal sisteme Cronichis Marzianis, dimension Farenheit 451.”
Ta lis schenis dai doi agjents dal Control Dimensionâl e passà une scosse eletriche sintint chês ultimis peraulis: Farenheit 451. Par nuie une robe di mateâ.
Little al gjavà intun lamp il microfon da lis mans di De Luca: “Martinis, o soi Little. O pues dî che o sin onorâts da la possibilitât di ricevi une mission tant delicade…”
“Sì, brâf Little; cumò vonde lecâ” al sierà la conversazion Martinis. “Us passi lis coordenadis pal passaç dimensionâl dret par dret su la machine. Lait! E di corse.”

114# Lista

Sul frigorifero stava appesa con una calamita la lista delle cose da fare:
- Compra pane
- Passa dal meccanico
- Restituire libri
- Telefona zia
- Trova il vero amore
- Ritira raccomandata
- Goditi i piaceri della vita
Era a buon punto.

113# Pendant

La mia ragazza ha paura di perdermi. È convinta che io la tradisca e che le nasconda delle relazioni segrete con donne bellissime. Mi chiama cento volte per chiedermi se intendo lasciarla e tutti i giorni mi interroga almeno un'ora, con metodi da Mossad, per scandagliare approfonditamente ogni aspetto della mia vita. Appena finito, poi, scoppia a piangere urlandomi che sono un bastardo e che non ho un cuore se la faccio soffrire così. Io naturalmente sono innamoratissimo. Per il nostro anniversario mi ha regalato un braccialetto elettronico satellitare per sapere in tempo reale dove mi trovo. È in pendant col colore dei suoi occhi.

112# Qualità

Se ne innamorò appena la vide: lei era così ricca di spirito, così ricca d'intelligenza e di fascino, così ricca di attenzioni per lui, così ricca di... sì, insomma, così ricca di tante qualità! Ah, ed era anche ricca.

111# Colpa

Me lo dovevo aspettare: è tutta colpa mia se ci siamo lasciati, tutta colpa mia! Ho fatto di tutto perché mi lasciasse, mi sono addirittura messo con lei!

Habemus titulum!


Grazie mille ai 28 gentilissimi lettori che hanno dato il loro voto!
Come potete vedere dall'immagine, il titolo che ha ricevuto il maggior numero di voti (direi, quasi un plebiscito) è stato "Stati d'amore". Quindi sarà con questo titolo che proverò a presentarlo alle case editrici.

Si sono segnalati fra i suggerimenti (e quindi è doveroso citarli):
- Un po'(st) d'amore
- Schegge d'amore
- Status Quo(re)
- Strati d'amore
- Amore di stato
- Amore?
Che mi torneranno comunque utili per forgiare il sottotitolo. Grazie doppio ai suggeritori, quindi!

Ora preparo il manoscritto da inviare, accompagnato da qualche nota esplicativa, e via: si inizia a fare la coda in posta per mandare plichi in tutta Italia!

Nel frattempo continuerò a scrivere, perché il traguardo delle 365 storielle è sempre là, lontano lontano... c'è ancora tanta strada da fare, tanti amori da vivere e tante parole da scrivere.
A proposito di questo: se le storie vi piacciono, gentilmente CONDIVIDETELE! In calce ad ogni post trovare i pulsantini per condividerle attraverso i maggiori social network e in diversi modi, quindi FATELO!

P.S. Per praticità di indicizzazione il tag relativo alle storielle qui sul blog rimarrà sempre 'amore vero'.

110# Vivere

Noi non siamo come quelle coppiette che dicono le cose tanto per dirle: noi ci impegniamo sul serio. Così quando ci siamo giurati di vivere solo del nostro amore abbiamo pianificato la cosa per bene. Iniziare di punto in bianco sarebbe stato da sciocchi, quindi noi abbiamo deciso di intraprendere un percorso graduale: la prima settimana niente cibi grassi, la seconda via zucchero e cioccolata, poi abbiamo fatto sparire la carne, il latte e i derivati e così via. Ora le nostre pance saranno anche vuote, ma i nostri cuori sono sazi di felicità.

109# ;-)

« :-( »
« :-( »

« :-) »
« :-( »

« :-D »
« :-) »

« :-D »
« :-D »

« ;-) »
« %-) »

« 8-) »
« 8-) »

« *__* »
« *__* »

Centouno amori: ci vuole un sondaggio!


Siamo arrivati a centouno, eh, chi l'avrebbe mai detto? Centouno storielle d'amore!
E nel frattempo ho anche imparato il termine tecnico: si chiamano flash fiction (che è bene far vedere che sappiamo di cosa parliamo).
«Sì, vabbè - direte voi - e ora che sei arrivato a centouno che si fa?»
«Beh, si fanno due cose» vi rispondo io:
1) si continua a scrivere storielle (sempre che l'immaginazione e la stupideria mi supportino, continuiamo verso il lontano traguardo delle 365 storie per un anno);
2) si cerca un editore disposto a pubblicare queste storielle in forma di libro, così da diffonderle non solo sull'internet ma anche nella vita reale fatta di carta e inchiostro.

E qui entrate in gioco voi che leggete: perché, per affrontare al meglio questo secondo punto, chiedo il vostro aiuto: ed ecco come!
Per presentare bene un progetto, a mio parere è fondamentale un titolo che lo rispecchi. Le storie sono corte, anche il titolo deve esserlo: dev'essere efficace e convincente.
Ero partito con “Amore vero”, ma ora mi è venuto in mente anche “Stati d'amore”, visto che pubblico queste storie come “stati” di facebook quasi ogni giorno. Ed in più dentro a questo secondo titolo c'è anche l'idea di “stato emozionale dato dall'amore”; insomma, è sfaccettato. Ma sono anche sicuro che a qualcuno di voi è venuto in mente un bel titolo che non vede l'ora di regalarmi per la versione "editoriale" di quest'idea, vero?

Quindi, ecco quello che si fa: un bel sondaggio!
Potete indicare il titolo che vi sembra più efficace e calzante, quello che a leggerlo comprereste subito il libro, rispondendo al sondaggio  (che resterà aperto fino al 15 dicembre) qui nella colonna a destra, oppure potete suggerire le vostre idee (molto ben accette) nei commenti a questo post, che rimarrà in bella evidenza.

Ma soprattutto, se le storie vi piacciono, condividetele ovunque, su facebook, twitter, google+, blog, diari, magliette, cessi pubblici, segnali di fumo... mi riempirete il cuore di gioia!

108# Guru

A quel tempo prendevo lezioni private da questo guru della seduzione: «Avendo amato donne ai quattro angoli del globo – mi diceva sfoggiando il suo sorriso più ammaliante – so bene cosa significhi corteggiare. Ho visto certa gente fare le peggiori pazzie per amore. Ma io mai, e sai perché? Perché so che è sciocco giocare quando è una donna a fare le regole. E questo accade sempre. Bisogna solo vincere, non partecipare.» Poi se ne andava a fare la sauna con le sue massaggiatrici personali mentre io restavo a meditare su ciò che mi aveva detto. Cavolo, era uno stronzo!

107# Sapore

«Capisce dottore? Dopo quel bacio mi ha lasciata. Tutto ciò che mi resta di lui è il sapore di quell'ultimo bacio» gli dissi. Lui mi guardò con occhi pieni di dolcezza: «Comprendo che non sia facile – rispose – è capitato anche a me delle volte, sai? Ma ora è il caso che tu riprenda a lavarti i denti almeno alla sera. Non sta bene che una ragazza giovane come te sia costretta a mettere di già la dentiera.» Forse il mio dentista aveva ragione, erano passati ormai cinque mesi da quell'ultimo bacio, era ora di guardare avanti.

106# Scaldava

Ci aveva provato con legna, pellet, lampadine ad incandescenza, metano, una pompa di calore, condizionatore, stufe e stufette, indossando giacconi imbottiti, guanti, scarpe e scarponi, calzettoni pesanti, copriorecchie e sciarpe, coperte, lenzuola di flanella e plaid mentre beveva tè, tisane, cioccolate e caffè bollenti, ma da quando si erano lasciati nulla le scaldava il cuore come aveva fatto lui.

105# Bigliettino

«Hey, scusa...» si sentì chiamare alle spalle. «No, un altro anche oggi, no!» pensò, ma sì girò comunque e quello già la guardava con gli occhi dell'amore: «Ti ho vista in treno e ho pensato che, beh, sei bellissima...» e qui lasciò sospeso il discorso; si aspettava davvero una risposta? Visto che lei taceva, lui riprese: «Ci scambiamo il numero?» Le mise in mano un bigliettino. Ogni giorno la stessa storia, pensò lei, e disse: «Ma che idea romantica e originale...» ma lui non capì l'ironia. Allora lei appallottolò la carta e fece un bel canestro da tre punti nel cestino dei rifiuti. Con questo erano 4701 punti per lei, zero per i corteggiatori.

104# Memoria

Stamattina si è presentata alla mia porta questa ragazza bellissima, dicendo che è la mia fidanzata ed è pazzamente innamorata di me. Io ho cercato di spiegarle che non era possibile, perché sono single. Insisteva tanto che mi sembrava scortese mandarla via senza darle un minimo di soddisfazione e allora le ho dato un bacio. Mi è saltata addosso come una furia e siamo finiti a fare l'amore. Dopo alcune ore ho cercato di ripeterle che davvero non mi ricordavo di lei, ma è stato inutile e l'abbiamo rifatto. Sembra così sicura che mi sta venendo il dubbio d'aver perso la memoria. E temo che non mi tornerà mai.

103# Fidanzata

La mia fidanzata è la miglior fidanzata che si possa desiderare al mondo. Ecco, ora che lo sanno tutti, amore mio, potresti non puntarmi più in faccia quella pistola?

102# Timido

Sono molto timido, ma ho trovato una soluzione: esco solo con ragazze più timide di me. Ieri, ad esempio, sono uscito con questa ragazza timidissima: siamo andati in pizzeria e abbiamo mangiato avvolti da un silenzio imbarazzato mentre attorno la vita faceva chiasso. Poi abbiamo bevuto qualcosa in un posticino appartato, facendo bene attenzione che i nostri sguardi non si incrociassero. Infine l'ho riaccompagnata a casa fingendo di passare di là per caso e dicendo «buonanotte» ad un lampione.

101# Condivisione

«La condivisione è fondamentale in un rapporto» diceva sempre la mia prima ragazza: mi lasciò un mese dopo che le avevo donato il fegato. Della seconda non ho notizie dal giorno del trapianto di rene, mentre la successiva mi mollò una settimana dopo che le avevo donato una cornea. Alle altre, in ordine sparso, ho donato la mano sinistra, il piede destro, un orecchio, un polmone... Con l’ultima è andata male ed è morta, ma stavamo insieme da poco e non ci ho sofferto molto.

100# Compleanno

Trovò che era stata davvero audace a presentarsi in camera sua sfoggiando quell'intimo sensuale: gli erano sempre piaciute le donne decise, l’aveva molto apprezzato. E pazienza se non si sentiva più in grado di affrontare certi passatempi, sarebbe stato bello anche solo addormentarsi abbracciati. Che gli infermieri si infuriassero pure se li scoprivano: per quel giorno si poteva fare uno strappo alla regola, no? Era un giorno speciale. E amen anche al fatto che i suoi figli si erano fermati solo mezz'oretta: «È stato comunque un bel 100° compleanno…» pensò addormentandosi.

99# Stella

Non si sentivano da due giorni ed era un po' preoccupato: per loro era strano, anche dopo un litigio come quello che avevano avuto. Decise di provare a chiamarla alla fine del turno. A quell'ora era solo all'osservatorio astronomico e un silenzio irreale regnava nei corridoi. Spostò la lente del telescopio su una porzione di cielo che doveva controllare e la vide. Più luminosa di qualsiasi altra stella, brillava di luce propria al centro dell'oscurità. Era abbagliante ed era la sua fidanzata.

Schifo e Lily Allen



Di questa cosa ho provato a parlarne anche su Facebook, ma forse lì le cose vanno troppo veloci e la mia riflessione si è persa nel flusso costante di stronzate; quindi provo a riproporla qui, dove rimarrà almeno un pochino di più.

Tutto parte dal video qui sopra: un video di per sé orribile anche per gli standard più bassi dello show businnes (peggio di così, forse, solo Snoop Dogg).

Però la cosa che mi disturba di più è che qui mi sembra esageratamente smaccata la presa per il culo del sistema consumistico e capitalista nei confronti del "consumatore" e in particolare del "consumatore femminile".

Video e canzone contestano la visione della donna-oggetto.
E come lo fanno? Esibendo delle donne-oggetto!

Per di più lo si spaccia come "sarcasmo", per difendersi da un ragionamento simile a questo che sto facendo.
Ora, la mia domanda: ma voi donne vi incazzerete mai sul serio e manderete a monte questo sistema di produzione, pubblicizzazione e commercializzazione del vostro corpo e del vostro ruolo? (Il video, in questo momento, ha 10.742.587 visualizzazioni su youtube, sigh)

A me tutto questo fa schifo. Sono bigotto? Sono retrogrado?

P.S. Vi risparmio la disamina del testo, idiota e triviale, e aggiungo che so bene che anche questo mio post di protesta solleva l'attenzione proprio sul messaggio che io vorrei criticare; per questo concludo ancora dicendo che è un messaggio schifoso e da rigettare.

98# Domenica

Entrambi attendevano la domenica impazienza e non perché si trattasse dell'agognato “weekend”: era l'occasione per vedersi a messa. Ciascuno nascondeva il segreto all'altro ed era difficilissimo seguire la funzione quando i loro occhi si incrociavano: quelli di lei erano come colombe. Lei si incantava ascoltando il salmo e immaginando di stare abbracciata stretta stretta a lui. Erano così innamorati che qualche volta, guardandola, lui aveva rischiato di perdere il filo della predica e dover ricominciare tutto da capo, fra l'imbarazzo dei fedeli.

97# Appuntamento

Non mi dispiace aspettarla in macchina mentre si prepara per un appuntamento; il fatto è che ormai non so più da quanto la sto aspettando! Pensavo ad una serata semplice, non troppo impegnativa, giusto per conoscerci... Ogni ora che passa scendo dalla macchina e le suono il campanello: le mancano sempre cinque minuti. Sto razionando da due giorni l'ultima caramellina all'anice rimasta. Lotterò fino all’ultimo, anche se sto diventando sempre più debole e so che la fine non può essere lontana. La batteria si è consumata, lo Snoopy appeso allo specchietto retrovisore mi fissa tristemente. Fossi uscito con lei, avrei avuto da raccontarvi una storia sull'amore, la bellezza ed il coraggio, che avrebbe commosso il cuore di ognuno di voi. Queste rozze note e il mio corpo sfibrato dall'attesa dovranno raccontare questa storia. P.s. Per l’amor di Dio, spendete bene gli spiccioli che lascio nel cruscotto!

96# Cedo

Cedo, causa inutilizzo, cuore praticamente nuovo, innamorato solo due volte (di cui sinceramente ricambiato una) e per due volte abbandonato; predisposto alla fantasticheria romantica e alle promesse d'amore eterno ma stufo d'aspettare; preferibilmente a ragazza che lo voglia tenere al sicuro con sé, nella sua borsetta.

95# Scegliere

Io e mio fratello gemello amiamo la stessa ragazza, ma lei non sa decidersi fra noi, il ché è un bel problema. Abbiamo pensato a diverse soluzioni, come fare un mese per uno o cose così, certo, abbiamo anche pensato se tagliarla in due pezzi, ma poi sarebbe difficile scegliere perché è davvero carina sotto tutti i punti di vista. Ah, sì, anche lei ha una gemella, ma è davvero antipatica.

94# Porno

La mia ragazza mi ha beccato a guardare un porno e mi ha mollato. Era un porno scadente secondo lei. Lì per lì ho inventato qualche scusa, ma non è servito a nulla: «Ecco perché ultimamente eri così scontato» ha aggiunto. Mi ha lasciato una lista di dieci siti per ampliare un po' le mie conoscenze.

93# Messaggio

«Sì, sì, grazie...» Rispondeva sempre sì quando le chiedeva se le servisse un sacchetto per la spesa. Quanto avrebbe voluto rispondere di sì ad un invito a cena! Andava in quel supermercato solo per vederlo – la divisa azzurra che gli metteva in risalto gli occhi – e comprava ogni giorno le stesse cose:
- Thè
- Insalata
- Acqua
- Marmellata
- Olive
Il messaggio le sembrava chiaro.

92# Porte

Avrebbe sopportato di tutto ma non quell'incertezza. Sarebbero andati bene sei brutto, non sei interessante, sei vecchio, sei noioso, mi fai schifo! Tutto, al posto di quell'incertezza e di quell'attesa. Gli piacevano le porte chiuse e le porte aperte; a quelle accostate non capiva se era meglio bussare o aspettare sulla soglia, in silenzio.

91# Volte

Delle volte non gli piace per niente essere così: vivere l'amore come una malattia e sentirsi moribondo, passare la serata a ricordare un ricciolo dei suoi capelli, voler fare di tutto e non riuscire a farlo e ancora parlarle e rimanere imbambolato dai movimenti perfetti della sua bocca. Delle volte. Le altre volte era solo innamorato.

90# Videogiochi

La mia ragazza è una maniaca dei videogiochi. Mi ripete sempre «La nostra relazione è veramente +1 Level Up!» con un gran sorriso. Ora però sono tre giorni che è chiusa in casa, impegnata in non so quale sparatutto. Ho provato a stuzzicarla dicendole che nel nostro rapporto c'è un livello segreto che lei non ha ancora scoperto, ma non ha funzionato.

89# Rischio

Esco solo con ragazze molto stupide. Ma molto stupide davvero. Non vorrei correre il rischio che qualcuna si accorgesse di quanto sono stupido io.

88# Buona

Sin dal primo istante, l'ho desiderata per la sua dolcezza. Ma non immaginavo che si sarebbe sposata così bene con quella salsina all'avocado. Il mio amore è davvero buona.

87# Trapianto

«Giuro che non mi ricordo di averle detto “Il mio cuore è tuo!” il 25 agosto 2003 – ho risposto fra le lacrime al suo avvocato – potrebbe essere, ma davvero... non ricordo...» ma quello se n'è venuto fuori con una registrazione della mia voce e dice che secondo la convenzione di Ginevra le promesse d'amore vanno mantenute... vabbè, è stata previdente... Domani siamo in lista per il trapianto.

86# Catarifrangente

Ho incrociato il suo sguardo e il mio cuore è impazzito, in mezzo alla bolgia in attesa del concerto. Eravamo tutti vestiti di nero, ma io avevo un catarifrangente rosso al posto del viso! Per qualche attimo o forse secondo o forse per l'eternità eravamo una coppia e lui era l'unico a vedere i miei tatuaggi perché era l'unico e il solo che mi avrebbe avuta da quel momento e per tutta la vita. Ed abitavamo nella mia testa, naturalmente. Poi è iniziata la musica e il pogo e sono rimasta innamorata di uno che non sa della mia esistenza.

85# Accordo

Siamo sempre andati d'amore e d'accordo, fra noi non c'è mai stato un litigio, una discussione, un'incomprensione, mai. Ieri, ad esempio, mi ha detto: «Ti lascio.» E io sono stato subito d'accordo, subito, sin dal primo momento! Il nostro rapporto è fantastico!

84# Streghe

Alla fine si rivelavano altezzose, antipatiche e molto capricciose: «Se le principesse sono diventate così cattive, forse le streghe hanno iniziato ad essere buone...» concluse il Principe Azzurro.

83# Superpoteri

«È così bella – pensava – così intelligente... una specie di Wonder Woman. Probabilmente possiede anche dei superpoteri... Sicuramente i superpoteri li scatena in me: quando siamo vicini mi sento l'uomo invisibile.»

Novembre: nuove presentazioni di "Mistero contadino"


Novembre: cadono le foglie e anche le presentazioni di “Mistero contadino” (Forum, 2013), ecco qui il calendario completo.

Giovedì 14 novembre 2013 – ore 20.45
Biblioteca civica “Don Gilberto Pressacco”, via XXIX Ottobre, Codroipo (Ud)
Pasolini e Pressacco
Un dialogo oltre il tempo, un percorso per costruire la memoria del futuro
Interventi di Franco Marchetta e Giacomo Trevisan
organizzato da SOMSI “Daniele Moro” di Codroipo, XI edizione di “C’era una volta – Tracce di percorso per una memoria codroipese”

Giovedì 21 novembre 2013 – ore 18.00
Galleria “Accademia città di Udine”, via A.L. Moro, 58, Udine
La ricerca del sacro
Interventi di Angelo Vianello e Giacomo Trevisan

Venerdì 22 novembre 2013 – ore 18.00
Libreria Lovat di Trieste, viale XX Settembre, 20, Trieste
Pier Paolo e Gilberto
Interventi di Lilla Cepak (regista e autrice radiofonica) e Giacomo Trevisan


Mistero contadino ripercorre le ricerche storiche, musicali e teologiche di Gilberto Pressacco rintracciando al loro interno una fitta rete di elementi legati all'opera e al pensiero di Pier Paolo Pasolini. Al centro è il “mistero contadino”, rievocato da Pasolini nei versi della Religione del mio tempo; un rinvio al mistero archetipico, “rustico” ed evangelico del seme che, solo morendo, genera frutto.

Giacomo Trevisan si è laureato al DAMS dell'Università di Bologna in “Discipline dello spettacolo dal vivo”, vincitore nel 2006 del Premio Tesi di Laurea Pasolini, è scrittore e saggista, regista e attore.


L'ingresso a tutte le serate è libero e gratuito.

82# Spiaggia

A quell'ora era solo sulla spiaggia. Una folata di vento scompigliò i suoi pensieri proprio quando aveva appena finito di riordinarli. Qualcuno se lo portò pure via. La sua mente rimase deserta, proprio come la spiaggia. Vi lasciava passeggiare solo il ricordo di lei.

81# Guarire

«Ciao a tutti. Anch'io come voi ho un problema di innamoramento facile, ecco, diciamo... sono dipendente. La mia vita è un inferno. Mi innamoro di continuo, non posso farne a meno. Alle 11 di mattina mi sono già innamorato almeno 7 volte... È dura. Il dottore dice che questi incontri di gruppo dovrebbero farmi bene. Sono pulito da quattro giorni ma la tentazione è ancora forte. In realtà non so se voglio guarire.»

80# Treno

Quando vide il treno staccarsi dalla banchina, realizzò finalmente il significato di ciò che si erano detti poco prima che lui salisse: un significato definitivo. La voce degli annunci automatici recitava: «Avvisiamo la gentile clientela che il treno in partenza dal binario nove non lo riporterà più indietro. Resterai sola per sempre. Ci scusiamo per il disagio.»

79# Spazio

Così prendemmo una decisione e andammo a vivere in campagna. Facevamo una vita semplice e senza pretese in una casa enorme. Non avevamo nemmeno abbastanza mobili per arredarla tutta e ci avanzava così tanto spazio che decidemmo di riempirlo d'amore.

78# Norvegese

Quando furono vicini durante la festa, trovò chissà dove il coraggio di rivolgergli la parola. I capelli gli incorniciavano il viso chiaro e fresco, da pastore del XVII secolo: «Sono un poeta...» diceva arrossendo. «I miei genitori non erano di qui... Mio padre è norvegese. Posso recitarti una mia poesia...» propose, mentre i suoi occhi davano luce alle stelle. La poesia iniziò e finì, atroce. «Scusa» disse, allora, lei «mi fanno segno di...» la chiamavano, difatti, e si allontanò.

77# Stupire

Il fatto che io svenga per l'emozione ogni volta che siamo vicini potrebbe essere un grande ostacolo per la nostra relazione; per fortuna lei è una ragazza a cui piace stupire. È deliziata dall'effetto che la frase «e questo ragazzo privo di sensi è il mio fidanzato» produce sull'ascoltatore.

76# Pensò

Pensò all'oceano, al fuoco nel caminetto, al suo primo peluche, a una crostata di albicocche, al dormiveglia, alla prima neve e al primo sole, a tutta la musica dei Verdena, al cielo pieno di stelle che aveva visto una volta in montagna, alla cioccolata calda, a un'altra infinità di sensazione a cui non sapeva dare un nome ed era solo il primo bacio.

75# Schermo

Doveva essere diventato trasparente come il vetro dello schermo, ma non ricordava né quando né come; o forse era un davvero troppo timido, come dicevano i suoi amici. Ma se aveva passato l'intera serata a cliccare “mi piace” a tutte le sue foto! Timido dove? Fatto sta che lei lo ignorava completamente e la chat rimaneva muta.

73# Crocerossina

La mia ragazza ha lo spirito della crocerossina. I suoi ex sono tutti alcolizzati cronici pieni di problemi, eroi maledetti e trasgressivi che lei ha accudito amorevolmente mentre la ignoravano facendola soffrire come un cane. Io sull'autobus cedo il posto alle vecchiette. Temo il giorno in cui mi dirà con le sue labbra di pesca e lo sguardo da cerbiatta: «Non sei abbastanza stronzo per stare con me!»

72# Lontana

La mia ragazza non riesce a starmi lontana. Così ogni mattina, quando esco di casa per andare a lavorare, la trovo già fuori dalla porta ad aspettarmi. In ufficio si mette in un angolo ad ammirarmi, fra il ficus e il distributore dell'acqua. I clienti ormai non ci fanno nemmeno più caso.

71# Regole

Ora che erano vicini, nel momento supremo, lei pensò che se si fossero conosciuti in un'altra situazione avrebbe anche potuto nascere qualcosa fra di loro, superando ogni differenza e la naturale rivalità. Infrangendo le regole del gioco, avrebbero potuto essere, l'uno per l'altra, l'unico re e l'unica regina. «Ma non si possono cambiare le regole» pensò triste la regina bianca dichiarando scacco matto.

70# Riflettere

Quando mi chiese del tempo per riflettere sul nostro rapporto pensai subito al peggio, però non volevo mancarle di fiducia, così acconsentii. Dopo due mesi, la chiamai per sapere se ci avesse pensato a sufficienza, ma le serviva ancora qualche tempo e le concessi un altro mesetto; poi altri tre, poi un altro, altri quattro, poi altri sei e altri due. Insomma, io dico che ci tiene: ci sta pensando davvero un sacco.

69# Fingere

Dall'inizio delle riprese continuava a trattenere le parole che gli salivano alle labbra: lei lo faceva impazzire, eppure bisognava andare avanti con la scena. Doveva essere professionale e quello non era il momento per dichiararsi: con la telecamera puntata addosso, il regista e la troupe al lavoro e soprattutto dovendo mantenere l'erezione. Non ce la faceva più a fingere: era difficile essere un attore porno innamorato.

68# Cioè

«Né con te, né senza di te...» disse guardandomi negli occhi. «Cioè? Che vuol dire? Non ha nessun senso.» Risposi dopo averci pensato a lungo. «Boh, non so neanch'io – ribatté – dicono così nei film e suona tanto bene; forse dovresti semplicemente baciarmi.» Provai. Era vero, dovevo solo baciarla.

67# Credeva

Ho trovato l'uomo della mia vita: credeva di essersi nascosto bene, quel deficiente!

66# Provare

La mia ragazza mi ha lasciato. No, in realtà non è vero, non mi ha lasciato; anche perché la ragazza non ce l'ho. Però mi piacerebbe avere una ragazza che mi lasciasse, almeno una volta, così, per provare. Mi sento sempre solo.

65# Ballo

Il corso di ballo stava andando benissimo: lui era totalmente negato, privo del benché minimo senso del ritmo e le aveva già pestato i piedi dieci volte! Avrebbe avuto bisogno di molte lezioni e lei avrebbe potuto stringerlo a sé ancora molto a lungo.

64# Cortocircuito

Provai molte volte a scriverle per riconquistarla: sms, messaggi via facebook, chat, mail, whatsapp... ma non ce la feci: andava tutto in cortocircuito. Solo la carta da lettera assorbiva le mie lacrime.

63# Sposo

Bene. Aveva scelto l'abito, la data, la chiesa e compilato – in linea di massima – una lista degli invitati. C'erano tutti gli amici dell'asilo, naturalmente, e qualcuno dei loro genitori. Ora non restava che trovare uno sposo. Ma per quello c'era tempo, dopotutto aveva solo quattro anni.

62# Almeno

Per amore Van Gogh si è tagliato un orecchio, Orfeo è andato all'inferno, Romeo e Giulietta si sono suicidati. Ecco, io non chiedo così tanto, ma almeno dammi un bacio!

61# Innamoratissimi

Quando gli amici mi trascinarono alla festa non immaginavo certo di incontrare una ragazza stupenda come lei. Sin dal primo istante il nostro rapporto è stato perfetto ed equilibrato: un idillio. Abbiamo deciso quella sera stessa di non vederci e non sentirci mai più per non rischiare di rovinarlo e ora siamo innamoratissimi.

60# Semplice

Si tratta di una storia molto semplice. Lei aveva da sempre in soffitta quel giradischi polveroso, eredità mai utilizzata di uno zio al passo coi tempi negli anni '70. Lui aveva una piccola collezione di 33 e 45 giri che un tempo suo padre aveva scambiato con gli amici. Tutti e due avevano tanta voglia di ballare.

59# Immaginazione

Ho sempre fantasticato molto sulla ragazza speciale che avrei incontrato un giorno. Era perfetta e ideale, sempre dolcissima e dotata di tutte le qualità più impareggiabili. Ma lei batte ogni mia immaginazione: è reale.

58# Statua

È bella come una statua antica, incantevole come la Venere di Milo, affascinante come un'Afrodite scolpita nel marmo, nell'arenaria o nel basalto. E come quelle, anche lei ha un cuore di pietra.

57# Veletta

Ho conosciuto un ragazzo bellissimo, intelligente, pieno di interessi e di qualità. Credo di essere già un po' innamorata. Per vivere truffa le assicurazioni inscenando la sua morte. È così fantasioso! Mi ha già fatto interpretare due volte la giovane vedova disperata. Dice che sono molto convincente e che il vestito nero col cappellino e la veletta mi danno un'aria estremamente sexy.

56# Investimento

Oggi la mia ragazza è tornata dalla banca dicendo che ha investito tutto in un fondo che la renderà più bella e seducente del 5% in quattro anni. Era euforica. Non ho capito bene come funziona, ma anche a me sembra un buon investimento e sono felice per lei. Quello che non mi va tanto giù, però, è non poter fare l'amore con lei: «È un fondo chiuso!» ha detto.

55# Allergico

A quanto pare dalle analisi sono allergico alla mia ragazza. Anche il medico l'ha confermato dopo aver valutato gli esami. Cavolo, non so come dirglielo! Sicuramente ci rimarrà malissimo e incolperà me come fa sempre quando nel nostro rapporto qualcosa va storto. So già che dirà: «Sei il solito pappamolle, non sai neanche controllare i tuoi anticorpi!»

54# Dopo

Litighiamo: litighiamo per ogni stupidaggine, litighiamo spesso, litighiamo tanto e ferocemente. Perché ciò che ci piace di più al mondo è fare pace, dopo.

53# Nome

Lei aveva quel tipo di sguardo che lo mandava fuori di testa: quando gliela presentarono non capì nemmeno il suo nome. Gli sembrava maleducato chiederglielo nuovamente, ma dopo amore, amorina, bimba, bambola, baby, biscottina, cara, caramellina, carina, cerbiattina, coccola, crostatina, cucciola, cuore, cuoricina, dolcezza, dolcina, farfallina, lady, miss, occhidolci, occhibelli, piccola, polpettina, principessa, scoiattolina, tesorina, tesoro, tortina e zuccherina, non sapeva più cosa inventarsi.

52# Scommesse

La amo più della mia stessa vita, eppure sono sicuro che nessuno ci avrebbe scommesso un euro. Tutto mi andava storto. Quando la vidi la prima volta al banco delle corse, ero convinto che non mi avesse notato, visto che teneva gli occhi fissi sullo schermo delle scommesse. In più Quattro Quarti Blu aveva perso ancora; quel dannato cavallo mi stava costando un occhio della testa. Non avevo più soldi da puntare e decisi di puntare tutto su di noi. Vinsi.

Pixellòve a Codroipo (Ud) e Trieste!



Due nuove presentazioni per "Pixellòve" (a proposito, cliccate mi piace qui):

Sabato 12 ottobre 2013, ore 21.00
presso il Teatro Benois - De Cecco
Via 29 Ottobre, 1 - Codroipo (Ud)
il corto verrà proiettato prima di "Rush" di R. Howard e sarà replicato anche domenica 13 alle ore 18 e 21

Venerdì 18 ottobre 2013, ore 18.30
presso il Teatro Miela
Piazza Duca degli Abruzzi, 3 - Trieste
all'interno della serata di presentazione del V PREMIO MATTADOR

"Pixellòve", realizzato con il patrocinio del Comune di Lignano e della Provincia di Udine, è una fiaba metropolitana sull'amore, sull'accettarsi e sul sentirsi accettati.

Ringrazio sin d'ora il Circolo Culturale Lumiére e il Premio Mattador (http://www.premiomattador.it/) che ci ospiteranno.

51# Frase

«Scrivi tanto d'amore, ma non ne capisci niente!» mi urlò fra le lacrime. Pensai: «Ecco una frase perfetta per iniziare un racconto.» E le dissi grazie.

50# Eterno

Siccome entrambi non crediamo all'amore eterno, abbiamo firmato un accordo per cento anni d'amore. Cento anni è comunque un bel mucchio di tempo. E poi il contratto è rinnovabile.

49# Ladro

Quando vennero a prenderlo stentavo a crederci. Dalle indagini, tutti i regali che mi aveva fatto risultavano rubati. Anche l'anello di fidanzamento. «Però come ladro è proprio bravo» era l'unica cosa che riuscivo a pensare mentre lo scortavano fuori in manette. Aveva rubato anche il mio cuore.

In caso di crisi #24


48# Occupazione

Dopo una settimana d'attesa, finalmente sono arrivati i biglietti da visita. Su ciascuno sono impressi i nostri nomi e sotto è riportata la nostra occupazione: COPPIA FELICE. Ci sembra doveroso far sapere a tutti che d'amore si può vivere.

47# Scritta

Un po' me ne vergogno, ma quando ho visto l'aereo completare la scritta nel cielo con un ultimo sbuffo di fumo a forma di cuoricino e lei girarsi raggiante verso di me dicendo «Ti amo, ti amo anch'io!» non ho avuto il coraggio di dirle che non era affatto opera mia. Non ho idea di chi abbia noleggiato l'aereo e non so per chi fosse la scritta, so solo che non mi aveva mai baciato in quel modo.

46# Guerra

Lo spostamento d'aria la scagliò direttamente fra le sue braccia e lui non poté fare a meno di stringerla fortissimo. Aiutandola a rialzarsi da terra, nonostante il dolore e la sensazione di avere tutte le ossa rotte, fu catturato dai suoi occhi. Nemmeno tutta quella polvere riusciva ad offuscare la sua bellezza. Di tutte le bombe esplose durante la guerra, quella era l'unica intelligente: era scoppiato l'amore.

45# Complimenti

A tutti piace ricevere dei complimenti, ma ero sinceramente stufo di sentire la mia ragazza adularmi ogni minuto ripetendo cose come «quanto sei bello, oddio, sei adorabile!» fra gridolini isterici. Così ho iniziato a fare delle smorfie orribili ogni volta che mi trovavo assieme a lei. È rimasta stupita per circa due secondi; poi è sbottata in un «mamma mia, sei bellissimo anche quando sei brutto!»

43# Più

Io e la mia ragazza siamo piuttosto competitivi e facciamo a gara su tutto. Mentre la stringevo le ho sussurrato che l'amo più di ogni altra cosa al mondo e lei mi ha risposto: «Io di più!» Abbiamo iniziato a scannarci per chi avesse ragione. Ha vinto lei. Ma io di più!

42# Regali

Sono scosso. Due ore fa ho scoperto che la mia ragazza ha venduto tutti i regali che le avevo fatto nel corso degli anni: anniversari, compleanni, onomastici, sanvalentini, pasque e natali (più ricorrenze sparse). Li ha venduti tutti. Aveva bisogno di denaro per ripagare il mostruoso debito di gioco contratto con la mafia russa. Ci sono rimasto molto male e l'ho lasciata. «Mi avrebbero spaccato le gambe se non gli tornavo i soldi!» si è giustificata gridando fra le lacrime. Ma io l'avrei amata lo stesso, anche con le gambe rotte.

41# Cocktail

Era la prima volta che lasciava un ragazzo ed era strano. Una sensazione cocktail: un quarto di sollievo per il fatto d'essere sfuggita ad una situazione soffocante, un quarto di senso di libertà e indipendenza ritrovata, un quarto di voglia di shopping e un quarto di sottile dubbio panico d'aver lasciato l'uomo della sua vita. Aveva bisogno di qualcosa di forte. Subito.

E' solo questione di tempo è su Facebook!


Era, chiaramente, solo questione di tempo... Oggi come oggi "tocca" essere social! E allora, ecco qui la pagina facebook di questo svariegato blog!


Cliccate "mi piace", suggerite, commentate
questo
baluardo contro il logorio della vita moderna!
Quest'isola felice di progetti e idee!
Buone letture!

40# Aliena

Ammetto che sia strano, ma non ho trovato difficile accettare il fatto che la mia ragazza è un'aliena. Me l'ha confidato ieri, ma la notizia non mi ha stupito: l'ho sempre giudicata troppo speciale per essere di questo mondo! Quello che non mi va giù è questa storia che sul suo pianeta vige la poligamia femminile (propriamente poliandria). Accidenti, non voglio essere “uno fra i tanti”!

39# Pancetta

«Scherzi quando dici che sono grasso, vero? In realtà lo sai che sono ripieno d'amore per te!» dico alla mia ragazza ogni volta che insiste perché io mi iscriva in palestra. Sì, sono piuttosto pigro: «Ma allora dillo che vuoi vedermi morto! – proseguo quando inizia a sorridere – Sai che il mio cuore batte già così forte per te che se mi mettessi anche a correre, esploderebbe!» Lei mi guarda con i suoi occhi pieni di tenerezza, mi pizzica una guanciotta e mi bacia. Però è vero: ho messo su pancetta.

Amore Vero (o Vero Amore)?


Ho aggiunto una nuova pagina, la trovate nella barra in alto, che spiega cos'è "Amore Vero" (o "Vero Amore", ancora non ho deciso), le micro-narrazioni che scrivo da un mesetto circa. In più nella pagina sono riunite tutte attraverso un unico link.
Condividete, commentate, suggeritemi la vostra storia di "Amore Vero"!

38# Linguaggio

Io e il mio ragazzo non parliamo la stessa lingua (e non si tratta di una metafora). Tuttavia questo non ci impedisce di comunicare comunque attraverso un linguaggio tutto nostro, fatto di baci, carezze e un sacco di gesti gentili. Siamo piuttosto bravi. Fra pochi giorni iniziamo anche a tenere un corso tutti i giovedì sera; abbiamo già diversi iscritti.

37# Niente

Quando la vedo non capisco più niente. Addirittura a volte cavallo nel cuore e antani come se fosse del cielo siccome quarantadue, sperare lucertole.

36# Palle

«L'amore, che palle!» pensava chiusa nella sua cameretta. Sembrava che tutti lo prendessero come un dovere, per sentirsi “a posto”, per sentirsi uguali agli altri. Per lei era più che sufficiente restare lì – sola – a pensare a lui.

35# Biblioteca

Andava in biblioteca solo per vederlo. A sua madre raccontava che non ce la faceva proprio a studiare a casa, in mezzo a tutta quella confusione, ma in realtà quello che desiderava era solo perdersi nel silenzio perfetto che regnava fra i libri; perfetto per il loro lungo gioco di sguardi e sorrisi-occhi-negli-occhi. Era magico. Si chiedeva solo ogni tanto: chissà che voce ha?

34# Flipper

Starle accanto è un'emozione unica e sono sempre molto nervoso quando è nei paraggi. Tanto nervoso che inizio a riempirmi di tic. Mi ha soprannominato “flipper”: il suo piccolo flipper. Lo trova dolcissimo.

33# Piangere

La mia ragazza è tanto bella quando sorride che non sopporto l'idea di vederla triste. Così le ho proibito di affettare cipolle, maneggiare gas lacrimogeni e guardare film sentimentali. Giusto per non rischiare di vederla piangere per sciocchezze. Nonostante questo, cado ancora nella disperazione più nera se un'ombra di preoccupazione scorre sul suo volto. Credo che mi iscriverò ad un corso per clown, tanto per essere pronto a rallegrarla in casi estremi.

32# Specchio

Era tutto il mio mondo. Così, quando ci lasciammo, ogni cosa continuò a parlarmi di lei, per mesi e mesi. Guardandomi allo specchio ciò che vedevo era solo il suo ex.

31# Comunicazione

Il mio fidanzato è un serial killer. Quando l'ho scoperto naturalmente ci sono rimasta male, insomma, voglio dire, passiamo così tante ore insieme e non me ne aveva mai parlato... per me è importante la comunicazione all'interno di una coppia! Comunque ci siamo chiariti e ora me ne parla sempre, mi racconta davvero tutto, sin nei minimi particolari. Anzi, praticamente non fa altro dalla mattina alla sera. Sarebbe bello anche fare l'amore, ogni tanto.

30# Scemo

È la più bella del paese, non ci sono dubbi. Una ragazza assolutamente meravigliosa, la più splendida che si possa immaginare, lo dicono tutti: chiunque vorrebbe averla accanto. Eppure fra noi non funziona, per questo l'ho lasciata, ma nessuno riesce a capirlo. I miei mi hanno buttato fuori casa, la gente mi ferma per strada per insultarmi e sconosciuti mi telefonano nel cuore della notte per ricordarmi quanto sono scemo.

29# Capelli

Senza sapere bene perché lo facessi, ho iniziato a raccogliere i suoi soffici capelli che trovavo sul cuscino alla mattina, mi sembrava semplicemente una cosa carina. Ora che mi ha lasciato, però, asciugarmi le lacrime con il fazzoletto che ne ho ricavato è molto confortante.

28# Serenata

Finalmente ieri sera mi ha fatto una serenata; so che non si usa più, ma era un sogno che avevo sin da piccola. Doveva essere una canzone dei Beatles, credo, ma non sono riuscita a distinguerla fra gli ululati dei cani di tutto il vicinato. È stato terribilmente romantico.

27# Palata

Era entusiasta del suo nuovo lavoro: con tutta la gente che arrivava, poteva avere per le mani un sacco di donne. Certo, erano un po' fredde, ma lui sapeva scaldarle quando si trovavano soli, in intimità. Il giorno in cui arrivò lei, però, si dimenticò di tutte le altre: era bella da morire, e desiderò essere morto anche lui. Sentiva lancinanti piccole fitte di dolore ad ogni palata di terra che lanciava sul coperchio della cassa.

26# Destino

Era deciso da sempre. Le famiglie si erano accordate sin dal momento della loro nascita: erano promessi l'uno all'altra, quello era il loro destino. Non era certo una faccenda di sentimenti: dovevano sposarsi! I loro padri ripetevano che avrebbero anche potuto protestare in eterno, ma così era scritto e così sarebbe accaduto. Gli sembrò quasi di dargli un dispiacere quando gli confidarono che, beh, in effetti, ecco, loro si amavano!

25# Scuse

Credo di essermi innamorata. Potrei allagare la cantina? Ieri sono rimasta chiusa fuori casa, il giorno prima il gatto era bloccato su un albero, la settimana scorsa c'è stato il principio d'incendio in cucina. Non so più che scuse inventarmi per rivedere quel bellissimo pompiere.

24# Litigare

La nostra relazione è piuttosto turbolenta: ci scontriamo per qualsiasi cosa. Non sopporta che mi mangi le unghie, a me non piace il suo senso dell'umorismo, odia la musica che ascolto, io i suoi peluche. Se avessimo del tempo sicuramente vedremmo altre persone, ma siamo troppo impegnati a litigare.

23# Credo

Mi lasciò dicendo che non la ascoltavo. Almeno credo, non la stavo ascoltando.

22# Boccone

La prima volta che mi disse «Sei così bello che ti mangerei in un boccone!» risi di felicità. Sono frasi molto dolci da dirsi fra innamorati. Mi preoccupai di più, qualche giorno dopo, quando mi svegliai di soprassalto coi suoi denti conficcati nella natica destra. Dice che sono ottimo con il cren.

21# Gara

Ogni settimana ci sfidiamo in una gara artistica per dimostrarci il nostro amore: dopo il patchwork e la musica questa volta è toccato alla scultura. Scolpivo il suo ritratto quando l'ho sentita urlare. Sono accorso temendo si fosse ferita con lo scalpello e ho visto la sua opera: i nostri cuori intrecciati, rossi del suo sangue, rossi come il nostro amore.

19# Allenamento

L'ho trovato a letto con una ragazza bellissima: «Non è come credi – ha detto – posso spiegarti tutto... questo è solo allenamento... per essere più bravo... per te...» Non so se credergli. Però, ad essere sincera, ultimamente è molto migliorato da quel punto di vista.

18# Hobby

A me e alla mia ragazza piace molto condividere i nostri hobby per trascorrere del tempo insieme, è un bel modo per rafforzare la nostra relazione. In questo periodo, ad esempio, stiamo organizzando un piccolo colpo di stato; niente di che, ci lavoriamo giusto qualche ora nei fine settimana. Per adesso abbiamo fissato solo alcune rivendicazioni della nostra rivoluzione: tutti dovranno amarsi almeno quanto noi, venerdì sera pizza e film sul divano, bando assoluto ai silenzi ipocriti. Vogliamo evitare spargimenti di sangue.

17# Indifferente

Erano mesi che le cose non funzionavano, ma avevo paura della sua reazione se l'avessi lasciato... mi amava così tanto. Però una sera, arrivati al limite, sbottai: «È finita, ci lasciamo.» gli dissi. Rimase indifferente. Gli chiesi se era tutto a posto: «Stavo pensando la stessa cosa.» rispose.

16# Scherzi

La mia fidanzata adora farmi gli scherzi. Dice che sono troppo carino con quell'espressione indescrivibile che mi si dipinge sul volto. Solo da stamattina mi ha sostituito il sale con lo zucchero nel caffè, staccato lo scaldabagno mentre facevo la doccia, annodato i lacci delle scarpe, riempito di silicone le serrature dell'auto. Non vedo l'ora che arrivi il pomeriggio: è così bella quando ride.

14# Spavento

Non vorrei passare per un tipo difficile. Lei è bellissima e io la amo. Non mi spaventano né la foresta di rovi che circonda il suo castello, né il drago feroce che sta a guardia dell'ingresso. Quello che mi spaventa è non sapere se la bella addormentata, quando dorme, russa. Ho il sonno delicato e queste sono cose che rovinano una convivenza.

13# Come

Come potevo non innamorarmene? Era così tenera. Vedeva l'amore dappertutto: divano e poltrona si mandavano bacini, armadio e letto erano amanti, coltello e forchetta si sarebbero sposati benché cucchiaio ancora si struggesse d'amore per lei.

12# Burro

Finirono avvinghiati contro il ripiano in acciaio della cucina. «Sono cotto di te» le sussurrò il cuoco. Il cuore della cameriera si sciolse come il burro.

11# Prezzo

La conobbe ad una mostra; era così bella che sembrava dipinta. Se ne innamorò subito; e ne rimase innamorato anche quando scoprì che, proprio come i quadri esposti, pure lei aveva un prezzo.

10# Sereno

Si conobbero in una notte buia e tempestosa. Tuoni, lampi e saette, fra nuvoloni carichi di pioggia. Ma bastò un solo sguardo fra di loro a riportare il sereno: fu un colpo di fulmine. Un fulmine a ciel sereno.

9# Doccia

Cambiammo casa dopo un anno. Lì dov'eravamo non ce la facevamo più a resistere. Ne volevamo una più piccola, specialmente il bagno. Volevamo stare più stretti quando facevamo la doccia assieme.

8# Cigolio

Capì che era arrivato il momento di lasciarla quando nella sua mente si creò l'associazione {sua risata = cigolio di carrucola}. Questo non glielo disse, ma lei non la prese bene lo stesso.

7# Sonno

Lei non gliel'ha mai confidato, quindi lui non lo può sapere, ma ama guardarlo dormire. È così bello sprofondato nel sonno. Si è già informata sui prezzi per una piccola telecamera da bara, così da poterlo ammirare anche nel suo sonno eterno.

6# Hamburger

Il lavoro estivo al fast food le piaceva un sacco: il ragazzo vestito da hamburger gigante che pubblicizzava le promozioni settimanali la affascinava da morire. Il costume in gommapiuma nascondeva i muscoli più definiti che avesse mai visto. Se lo mangiava con gli occhi.

5# Ciccia

Quando raggiunse i 108 Kg, decise che era il momento di fare qualcosa per il suo problema di peso. Fissò un appuntamento con uno specialista per la settimana seguente e si sforzò di mangiare meno da subito. Sette giorni dopo, nella sala d'attesa del dietologo, incontrò lei: 111 Kg di splendore. Fuggirono assieme, disertando i rispettivi appuntamenti, fino alla creperia più vicina.

4# Errori

Il loro amoer era una pagina piena di refusi. Continuavano a controllare il testo, ma gli sfuggiva sempre qualche errorre. Avrebbero desiderato tanto un correttore automatico per la loro relazione, perché erano un po' pirgi.

3# Pazzi

Lo incontrò in una clinica psichiatrica; era matto come un bambino. Il pazzo più bello e più dolce che avesse mai conosciuto. Passò anni a cercare di curarlo. Poi, un giorno, comprese che la sola cura era scivolare assieme a lui: impazzire della sua stessa follia.

2# Libertà

Lei si divertiva un mondo a giocare coi miei sentimenti, neanche fossero costruzioni o io fossi uno di quei bambolotti che chiudono gli occhi quando li distendi. Così quando arrivò il suo compleanno, pensai di regalarle un gioco nuovo. Le regalai la libertà.

1# Coltelli

«Mi manchi.» disse la moglie del lanciatore di coltelli.
«Davvero ti manco?» disse lui.
«Sì, mi manchi di tanto.»

Veri pazzi e finti sani

Nel 99,99% dei casi i veri pazzi sono convinti di essere sani. Ne sono convinti perché, nel 99,99% dei casi, è vero. Quelli che dicono di essere pazzi sono, nel 99,99% dei casi, delle persone sanissime che si divertono a crearsi problemi finti, facendo anche di tutto per complicarseli e non risolverli.
In questo secondo gruppo, ma ciò avviene in un secondo tempo, una discreta percentuale rimane vittima del suo stesso giochino.
Sia detto per inciso: io sono sanissimo.

Teatro fatto di suoni - Italia di ieri e di oggi

Seconda parte della panoramica "Suono è teatro!" sempre dal blog musicaelettronica.it del Centro Tempo Reale: si parla di teatri sonori italiani di ieri e di oggi!
Ecco qui il link dove leggere l'articolo!

Suono è teatro!

Musicaelettronica.it ha pubblicato la prima parte del mio articolo "Suono è teatro" dedicata ad un percorso storico dei rapporti fra suono e il suo utilizzo drammaturgico e materico nei Teatri Sonori.
Ecco qui il link per chi vuole approfondire la lettura!

Supernova

È affascinante assistere
all'esplosione di una stella,
forza autodistruttiva compressa
in una luminosa disperazione.

Ma è doloroso se quella stella
la conosci per nome,
se ne hai sperimentato
la forza di attrazione,

se non puoi fare altro
che guardarla da lontano
ricordando com'era calda

la sua, nella tua mano.

Si ritorna a casa, per "Pixellòve" è tempo di post-produzione!


E rieccomi a casa dopo quattro giorni di set che non potevo immaginare più intensi.
Lignano ci ha accolto, e lo ha fatto molto bene, per le riprese di "Pixellòve"; non è stato per niente uno scherzo girare in una città in piena stagione estiva, vivissima, in cui la gente ci ha fatto davvero sentire il proprio calore, assistendo affascinata al nostro lavoro. Certo, guardando da fuori le riprese di un film si capisce ben poco di quello che sarà poi il prodotto finale: "azioneee" e in un minuto tutto è finito... Cos'è successo? Perché quel personaggio portava una maschera? Cosa accadrà ora? È difficile dirlo, come sarebbe difficile dire cosa rappresenta un puzzle da un singolo pezzo.
Per questo bisognerà aspettare la fine di agosto più o meno... premiere sempre a Lignano grazie al patrocinio che il Comune ci ha concesso assieme a quello della Provincia di Udine.


Un saluto a tutti i luoghi più caratteristici di Lignano che ci hanno fatto da scenografia in questi giorni: ciao al Lungomare e alla Terrazza Mare di Sabbiadoro, al raggio dello Scirocco e al viale del Mare di Pineta, e soprattutto un grande ciao! al Luna Park “Strabilia” e a tutti i giostrai che ci hanno accolto con calore e simpatia.

E poi grazie!
Grazie all'elegante Hotel “La Pergola” e al signor Giuseppe Risegato che ci ha fatto sentire come a casa, all'Hotel Zen, al Grand Hotel Playa e alla Fioreria Carla di Sabbiadoro.
Grazie alla cinquantina di comparse del territorio di Lignano e della Bassa Friulana che hanno partecipato alle riprese, un grandissimo grazie agli attori Ilaria Pasqualetto, Massimo Cemolani, Carla Venuto e Iman Piccolo che hanno recitato con me in quest'avventura. E grazie ad Anna Ave che ci ha seguito per farci più belli!

Infine grazie alla troupe, affiatata sin dal primo "ciak" come se fossimo insieme sul set da sempre: grazie Gabriele Dominutti, Davide Lionetti, Adriano Forte, Giulio Pasqualin, Riccardo Peterlunger e Riccardo Calderini e grazie a Marco Fabbro, giovane regista dal roseo e sicuro futuro di successo!

Pixellòve. Domani iniziamo!

(dal comunicato stampa)

Lignano diventa nuovamente set cinematografico per le prossime giornate, da mercoledì 3 a sabato 6 luglio, in occasione delle riprese del cortometraggio “Pixellòve” di Giacomo Trevisan, per la regia dello stesso Trevisan e del giovane regista udinese Marco Fabbro, e realizzato col patrocinio del Comune di Lignano e della Provincia di Udine.
Una fiaba metropolitana romantica quella che verrà raccontata nella cornice della città balneare, meta delle vacanze di tanti turisti che – come il protagonista di questa storia surreale – sono spesso alla ricerca di qualcosa che li faccia sentire sempre accolti e accettati.
Si cercano comparse per una serie di scene che si svolgeranno in alcuni luoghi del comune di Lignano, valorizzandone i meravigliosi scorci: in particolare si cercano comparse per le giornate di mercoledì 3 luglio dalle ore 21 per una scena ambientata nei pressi del Parco san Giovanni Bosco a Sabbiadoro e dalle 23 a Pineta lungo il Raggio dello Scirocco; venerdì 5 le riprese si sposteranno al Viale del Mare dalle 18. Le ultime scene verranno poi completate sabato 6 dalle ore 18 lungo la pedonale di Via Tolmezzo.

Chiunque fosse interessato e disponibile a partecipare può scrivere una mail a santrevi@gmail.com.

Picsellòv - Inizio delle riprese!


Ci siamo, manca una settimana più o meno, e poi si inizia a dare corpo e immagini a quest'idea che ho avuto ormai tre anni fa, a Padova alla una fermata del bus: "Pensa come sarebbe la vita di una persona 'pixellata'..." la storia mi si è scritta in mente da sola.

Pixellove: una fiaba metropolitana, una storia romantica. Un semplice appuntamento per un innamorato “differente” che ha qualcosa in meno, o forse in più... dipende dai punti di vista. Quel che è certo, però, è che come tutti gli innamorati è alla ricerca di qualcuna che sia come lui, che lo faccia sentire compreso e accettato. Più facile a dirsi che a farsi, eggià!
Riuscirà a trovare "qualcun'altra" come lui?

Gireremo da mercoledì a sabato della prossima settimana, le location sono tutte a Lignano (Ud), dove il comune ci ha messo a disposizione un sacco di contatti e praticamente tutta la città. C'è bisogno di comparse, e chi legge e ha voglia di esserci può scrivermi a santrevi@gmail.com.
Saremo per gli interni al bellissimo Hotel La Pergola, che diventerà la nostra "casa" per queste giornate. Poi per gli esterni un po' dappertutto, ma soprattutto al Luna Park Strabilia, dove gireremo le scene clou in questa attrazione...


Da "Uè o fevelin di..." (RadioRai FVG)


E' in replica anche oggi sulle frequenze regionali di RadioRai FVG la puntata di "Uè o fevelin di...", programma di Antonella Lanfrit per la regia di Arianna Zani, che è dedicata al mio volume "Mistero contadino. Tracce pasoliniane nelle ricerche di don Gilberto Pressacco".

"Uè o fevelin di..." è un appuntamento quotidiano in lingua friulana.  10 minuti  la mattina alle 11.08 per mettere a fuoco un problema, con l'aiuto degli ospiti, o per segnalare una novità; 15 minuti il pomeriggio, dalle 15.15 alle 15.30 sull'attualità culturale in Friuli.
Un program di atualitât, costum, culture e societât, in onde ogni dì: da lunis a vinars ae 11.08 di buinore (dîs minûts) e daspòmisdì ae 15.15.

Riassuntino della puntata:
Daspòmisdì, 15.15 MARTARS 21 MAI - Olmis di Pasolini te ricercje di pre Gilberto Pressacco. Al è il teme di fonde dal volum "Misteri contadin" dal zovin codroipês Giacomo Trevisan, che ai prins di jugn al scomençarà une schirie di incuintris sul teritori par presentâlu. Pasolini al veve bielzà dât l'alarme tai agns Sessante su la pierdite dal sens dal sacri, une in vuaite sintude e condividude di Pressacco, che in cheste pierdite al viodeve la pierdite de sacralitât de vite.

Festa dei Folli 2013


Hey, giocolieri o aspiranti tali!!
Proprio questo weekend (18 e 19 maggio 2013) per tutti voi c'è la Festa dei Folli, quinta edizione, sempre a Codroipo (Ud).
Ci vediamo in piazza!!

Kociss - Passione e morte dell'ultimo bandito veneziano


E' stato presentato oggi alle Sale Apollinee del Gran Teatro La Fenice di Venezia, il libro di Roberto Bianchin e Giovanni Dell'Olivo Kociss - Passione e morte dell'ultimo bandito veneziano.
Lo segnalo perché si tratta di un libro interessante, innanzitutto, e poi perché contiene sia un'intervista-diario alla sorella del Kociss che il testo e il CD completo delle musiche dello spettacolo di cui ho l'onore di far parte.

Qui il link alla casa editrice dove acquistare il volume.

Nella sua borsetta [senza nessuna dedica particolare]

Amore serve solo
a semplificarmi le rime.

Forse ti cerco troppo
o forse troppo poco
o ti cerco ma tu
non esisti davvero.

Eppure non dovrebbe
essere difficile:
in fondo cosa chiedo?

Solo una ragazza
che mi strappi il cuore
e lo tenga per sempre
al sicuro, con sé
nella sua borsetta.

Recensione di Stefano Casi su Mistero Contadino

E' veramente con molto orgoglio che segnalo la recensione che, in coda all'altra recensione sul libro di Angela Felice e Paolo Patui Il teatro friulano. Microstoria di un repertorio tra Otto e Novecento (Forum; pp. 248; euro 18), Stefano Casi ha voluto dedicare al mio volume Mistero contadino. Ne riporto lo stralcio dalla newsletter dei Teatri di Vita di Bologna, Il Suggeritore (n. 137 - maggio 2013):

[...] Anche se non ha stretta relazione con il teatro, vale la pena segnalare in questo contesto un altro studio di ambito friulano, che mette in relazione due importanti figure: Mistero contadino. Tracce pasoliniane nelle ricerche di don Gilberto Pressacco di Giacomo Trevisan (Forum; pp. 182; euro 15). Se l'accostamento di Pasolini con il sacerdote musicologo può sembrare di primo acchito un po' ardito, la lettura di questo volume spalanca suggestioni davvero stimolanti. Non solo perché Pressacco, di vent'anni più giovane, è stato un attento lettore di Pasolini, ma soprattutto perché entrambi insistono su aree concettuali che l'autore mette in evidenza con precisione e alcune intriganti intuizioni. "Profeti contro se stessi" li definisce Trevisan, che va a recuperare alcuni percorsi comuni, che dimostrano, come l'autore ricorda, che l'ateo Pasolini e il religioso Pressacco erano in realtà uniti in una comune ricerca di senso e in una comune capacità di analisi "poetica" della realtà friulana (e non solo). E così, l'indagine comune sul "mistero contadino" (spiazzante l'interpretazione linguistica dei celebri versi pasoliniani sulla fontana di Casarsa o la lettura "asinina" della Religione del mio tempo), sull'autonomismo friulano e soprattutto sulle "lingue del corpo" che entrambi gli intellettuali avevano sondato, e cioè la danza e il canto, rivela un dialogo a distanza ("in assenza", scrive Angela Felice nella prefazione) che potenzia la portata dell'uno e dell'altro, nella loro autonomia ma anche nella loro condivisione di acutissime "antenne" epistemologiche del reale. 

(Stefano Casi)

Qui potete leggere l'intera recensione ai due volumi.

Il paron dal tor di Codroip


Un'altra bella sorpresa! Attraverso coincidenze strane, sono felice di segnalare che sul numero 3 del 12 marzo 2013 de "Il Diari" (giornale dell'ARLeF) è apparso l'articolo che riporto qui sopra e che parla del mio spettacolo "Dall'alto" (su e nel campanile del duomo di Codroipo). Lo spettacolo era stato replicato all'interno della sagra di San Simone 2012 con un ottimo successo e nell'occasione ricordavo di aver fatto quattro chiacchiere col signor Nadalini che firma l'articolo (e che ringrazio!)
La cosa veramente stupenda è che è in friulano!

La Recenseide che parlava di me

Nel 2010, sul numero 65 della rivista Storie, nella rubrica "Recenseide", parlavano di due miei racconti. L'ho scoperto ieri. Qui il link alla pagina online della rubrica, ma per pura gioia personale riporto il commento completo.

In “Cuore matto” l’autore si traveste da Marc Augé ed elabora una stimolante analisi sociale che prende le mosse da “una discussione drammatica e fondamentale: dividere in pezzi il Papa”. Affetto da cardiomiopatia dilatativa, il pontefice necessita di un trapianto. A operazione effettuata, che ne sarà del suo vecchio e inutilizzabile cuore? A chi il compito di smembrare la preziosissima reliquia e di cibarsene (metaforicamente, s’intende) per i secoli a venire? “Nuove strategie commerciali” è anch’esso un racconto grottesco nel quale un impresario di pompe funebri riceve una telefonata da una misteriosa società che gli propone di “vendere” i suoi clienti. Macabro con brio.

Macabro con brio. E' un commento così bello che credo ne farò il titolo di qualcosa.

Gilberto da Baskerville

Tonino Cragnolini, Maqôr

Sul numero di aprile 2013 de "Il Ponte", in uscita in questi giorni, appare una recensione di "Mistero contadino. Tracce pasoliniane nelle ricerche di don Gilberto Pressacco" firmata dal prof. Silvio Montaguti.
Ne riporto l'inizio:

"Nel grande bazar televisivo si promuovono in continuazione libri, spesso come si fa con cosmetici e detersivi “miracolosi”, cioè sempre all’insegna del sensazionale. Così gl’imbonitori si lanciano con monotonia nelle esaltazioni iperboliche di ogni novità libraria come se fosse il capolavoro del secolo(!). In realtà l’opera di... portata storica si rivela spesso futile ed effimera, evocando l’aforisma: “Chi non ha niente da dire scrive un libro”. 
In tal modo si finisce col dare sempre meno credito a questi spot; ed ecco allora che una pubblicazione seria rischia di passare inosservata, specie se fuori dalla ciarlataneria televisiva. E’ il caso di Mistero Contadino: tracce pasoliniane nelle ricerche di don Gilberto Pressacco, fresco di stampa, in cui Giacomo Trevisan presenta una materia ardua con proprietà metodologica ed espressiva. Lo segnalo volentieri, senza suonare la grancassa di cui sopra, perchè non sono molti gli studiosi capaci di mettere mano da competenti nell’opera di don Gilberto documentata nel lascito della biblioteca civica codroipese, analizzato con passione dal giovane autore e messa in parallelo con quella di Pasolini." (continua a leggere)

The Black Stuff




Finalmente, dopo la proiezione al cinema Ariston di Trieste, il cortometraggio di Marco Fabbro "The Black Stuff" è disponibile su Youtube.
La regia è di Marco Fabbro, con Giacomo Trevisan, Davide Lionetti, Narcisio Levan, Chiara Pasqualini, Claudia Buiese, Elisa Terenzani.
Eccolo, per chi non lo avesse ancora visto... Buona visione!

La vera ricchezza non è di questa terra (un nuovo racconto)


Sul sito di Franco Marchetta, è da ieri online un mio racconto dal titolo "La vera ricchezza non è di questa terra".
Si tratta del secondo racconto tratto da un ciclo dedicato al denaro che sto elaborando.
Il primo ad essere apparso è "Lo sterco del diavolo" nel numero 92 della rivista «Tratti. Da una provincia dell'impero» (come potete scoprire qui)

La tua geografia


Se io fossi piccolo
da stare nella tua tasca sinistra,
vorrei percorrerti da cima a fondo,
capire la tua lingua,
smarrirmi nella selva misteriosa
dei tuoi capelli, misurando perso
il deserto caldo della tua pancia.
La tua geografia è per me l'Oriente,
il Sud America, l'Africa nera
e terre che si possono vedere
solamente nei sogni.
Esplorando le vallate e i tuoi fianchi,
scalerei dal mento fino alla bocca,
per abitare sulle tue labbra.
Dalla punta del naso
guarderei verso il profilo dei monti
sognando di sfiorarli.
Studierei palmo a palmo il tuo corpo
come la mappa del mio desiderio,
guida per il cammino
alla felicità.

Pressacco e Pasolini - Attorno al mistero


Oggi ho pubblicato su Youtube questi video-appunti da "Mistero contadino. Tracce pasoliniane nelle ricerche di don Gilberto Pressacco" (Forum, 2013).

Per acquistare il libro:
http://www.forumeditrice.it/percorsi/...
http://www.ibs.it/code/9788884207913/...

"Pressacco e Pasolini - Attorno al mistero" è un documentario breve; al centro della riflessione c'è non solo l'asimmetrica convergenza tra Pasolini e Pressacco, ma anche la loro comune sensibilità verso il tema del sacro e l'allarme lanciato da entrambi per contrastare la perdita del senso del sacro dilagante nella contemporaneità. Da angolazioni diverse ma convergenti, e pur nella specificità dei rispettivi percorsi di vita e di pensiero, queste due intelligenze non conformi illuminano un Friuli diverso, in cui palpitano i corpi, la lingua, la danza e il canto di una terra antica e sacra.

Ringrazio il prof. Gottardo Mitri per aver messo a mia disposizione le immagini di don Gilberto Pressacco. Tutto il resto del materiale è tratto da video già presenti su Youtube.

Tre racconti sulla rivista "Tratti"


E' uscito da qualche giorno il numero 92 (di febbraio) della rivista «Tratti. Da una provincia dell'impero», edita dalla Moby Dick di Faenza (Ra).
All'interno, nella sezione "Scritture italiane (Prosa)" segnalo la presenza di tre miei racconti: "Lo sterco del diavolo", "Storia del capro espiatorio" e "Storia di un sogno e di un racconto".
Potete trovare la rivista qui (ed è una bella rivista che vale davvero la pena di acquistare).

Casarsa 2 marzo 2013


Mi capita più spesso di passare per Casarsa ultimamente. Anzi, più che passare ormai ci resto. E' una buffa sovrapposizione di tempi, luoghi, persone e mestieri che fa apparire la Vita ancor più ciclica di quello che è. Ieri però sono stato costretto a fermarmi lì e sono stato costretto a passarci del tempo in attesa di nulla, in attesa di nessuna persona o cosa in particolare, però in attesa, come chissà quanti altri prima di me.
Insomma, mentre ero lì a far niente, solo a leggere un cattivo libro, mi sono caduti gli occhi su questa scritta che fino a ieri, pur frequentando giornalmente questi stessi luoghi, non avevo colto. Ed è un peccato che ancora non l'avessi notata, perché con la sua semplice allegria vandalica, con quel "W" scritto a pennarello che subito mi ha fatto pensare ad altri tempi, forse più ricchi di oggi e che vorrei con tutto me stesso essere in grado di replicare e far realizzare anche oggi, mi sono sentito felice di essere lì in quel momento, pure se ero in ritardo, pure se ero arrabbiato. Dunque, grazie a chi l'ha scritto.

Presentazione di "Mistero contadino"


Ieri, a Casarsa, presso il Centro Studi Pier Paolo Pasolini c'è stata la presentazione di Mistero contadino. Tracce pasoliniane nelle ricerche di don Gilberto Pressacco che da ora è acquistabile anche qui.

Erano presenti e hanno parlato Flavio Pressacco, Angela Felice e Remo Cacitti.

Grazie a chi c'era e buona lettura!